Proprietà antinfiammatoria

Il termine infiammazione deriva dal latino inflammare, che significa accendere o bruciare.
L’infiammazione è un meccanismo di difesa del corpo che si ‘accende’ in risposta a una serie di potenziali minacce, per poi ‘spegnersi’ spontaneamente una volta neutralizzata la minaccia.
Aulus Cornelius Celsus, un enciclopedista romano, fu il primo a definire i quattro segni cardinali dell’infiammazione: rubor et tumor cum calore et dolore, ovvero rossore e gonfiore con calore e dolore. Nel XIX secolo, il patologo Rudolf Virchow ha aggiunto un quinto segno, la functio laesa o perdita di funzione.

Con i progressi della biologia molecolare, oggi si può definire l’infiammazione in modo più ampio come una risposta protettiva, che coinvolge l’attivazione di cellule immuni e non, in risposta a un attacco, come un’infezione, composti tossici, cellule danneggiate o radiazioni, con l’obiettivo di ripristinare l’omeostasi del tessuto. Tuttavia, l’infiammazione può essere dannosa quando non si risolve a causa della persistenza o della propagazione degli stimoli infiammatori. In questo caso può cronicizzarsi, portando a fibrosi e/o disfunzione, o può accelerare e diffondersi, danneggiando altri tessuti e organi.

Nel mondo vegetale esistono vari composti con proprietà antinfiammatorie, tra cui la curcumina, la colchicina, il resveratrolo, la capsaicina, la quercetina, l’epigallocatechingallato (EGCG). Questi composti possono contribuire a ridurre o a controllare l’infiammazione nel corpo, offrendo un approccio naturale al trattamento di condizioni infiammatorie.

Di seguito troverai l'elenco delle erbe presenti su WikiHerbalist che hanno proprietà antinfiammatoria
achillea-millefolium

Achillea

Achillea millefolium L.

agrimonia

Agrimonia

Agrimonia eupatoria L.

Laurus-nobilis

Alloro

Laurus nobilis L.

aloe-vera

Aloe vera

Aloe vera (L.) Burm.f.

Artemisia-annua

Artemisia

Artemisia annua L.

Artemisia-absinthium

Assenzio maggiore

Artemisia absinthium L.

betulla

Betulla

Betula pendula (Roth)

calendula

Calendula

Calendula officinalis L.

matricaria-chamomilla

Camomilla

Matricaria chamomilla L.

carciofo

Carciofo

Cynara scolymus L.

cardo-mariano

Cardo Mariano

Silybum marianum (L.) Gaertn.

echinacea

Echinacea

Echinacea purpurea (L.) Moench

equiseto

Equiseto

Equisetum arvense L.

eucalipto

Eucalipto

Eucalyptus globulus Labill.

finocchio

Finocchio

Foeniculum vulgare Mill.

giglio-candido

Giglio candido

Lilium candidum L.

ginkgo-biloba

Ginkgo

Ginkgo biloba L.

panax-ginseng

Ginseng

Panax ginseng C.A.Mey.

Elytrigia_repens-Gramigna_comune

Gramigna

Agropyron repens (L.) P.Beauv.

hypericum-perforatum

Iperico

Hypericum perforatum L.

ippocastano

Ippocastano

Aesculus hippocastanum L.

Lavanda

Lavanda

Lavandula angustifolia Mill.

liquirizia

Liquirizia

Glycyrrhiza glabra L.

malva-sylvestris

Malva

Malva sylvestris L.

Melissa-melissaofficinalis

Melissa

Melissa officinalis L.

Anagallis_arvensis

Mordigallina

Anagallis arvensis L.

Moringa-oleifera

Moringa

Moringa oleifera Lam.

olivello-spinoso

Olivello spinoso

Hippophae rhamnoides L.

olmaria

Olmaria

Filipendula ulmaria (L.) Maxim.

tordylium-apulum

Ombrellino pugliese

Tordylium apulum L.

Urtica-dioica

Ortica

Urtica dioica L.

passiflora

Passiflora

Passiflora incarnata L.

ruscus-aculeatus-1

Pungitopo

Ruscus aculeatus L.

ribes-nero

Ribes nero

Ribes nigrum L.

rhodiola-rosea

Rodiola

Rhodiola rosea L.

rosa-canina

Rosa Canina

Rosa canina L.

salvia-officinalis

Salvia

Salvia officinalis L.

Sambuco

Sambuco

Sambucus nigra L.

Saponaria-officinalis

Saponaria comune

Saponaria officinalis L.

tarassaco

Tarassaco

Taraxacum officinale Weber ex F.H.Wigg.

Thymus-vulgaris

Timo

Thymus vulgaris L.

valeriana

Valeriana

Valeriana officinalis L.

verbena-officinalis

Verbena

Verbena officinalis L.

Echium-vulgare

Viperina

Echium vulgare L.

zenzero

Zenzero

Zingiber officinale Roscoe

Hai trovato utile questa pagina?