aloe-vera
aloe-vera-2aloe-vera-3

Aloe vera

Aloe vera (L.) Burm.f.
Numero di osservazioni umane nel mondo di nel 2023. Credits: GBIF | OpenStreetMap.

Nome scientifico

Aloe vera (L.) Burm.f.

Nome comune

Aloe

Parti usate

Foglie (gel)

Fitochimica

Composti Fenolici (kaempferolo, quercetina, miricetina, aloine, emodina dell'aloe, aloenina, aloesina, resina dell'aloe); Lipidi (β-sitosterolo, campesterolo, colesterolo, lupeolo, acido γ-linoleico, acido arachidonico); Altri composti (idrocarburi alifatici a catena lunga, composti volatili: acidi, aldeidi, chetoni, lignina, saponine)

Botanica

L’aloe vera, classificata scientificamente come Aloe vera (L.) Burm.f., è una pianta succulenta appartenente alla famiglia delle Asphodelaceae. Originaria probabilmente del Mediterraneo orientale e dell’Africa del Nord, questa specie si è diffusa in diverse regioni tropicali e subtropicali. Il genere aloe conta più di 350 specie.
A livello botanico, l’aloe vera è caratterizzata da foglie succulente, lanceolate, che possono raggiungere una lunghezza di 30-50 cm e una larghezza di circa 10 cm. Queste foglie, disposte in rosette basali, presentano una superficie verde-azzurro con margine seghettato e sono dotate di piccole spine. La cuticola spessa delle foglie riduce la perdita di acqua, una caratteristica adattiva agli ambienti aridi.

La pianta produce un’infiorescenza a racemo, con un lungo stelo che può superare i 90 cm. I fiori, penduli, sono tubulari e variano dal giallo all’arancione. La fioritura avviene principalmente in estate. L’aloe si è adattata per sopravvivere in condizioni di scarsa umidità e terreni poveri, facendola preferire per la coltivazione in zone xerofile (lunghi periodi di siccità). La pianta è nota per le proprietà curative del gel trasparente contenuto nelle sue foglie, utilizzato in farmacologia e fitoterapia.

Raccolta

La raccolta dell’aloe è un processo delicato, si effettua tutto l’anno, ma il momento di massima concentrazione di nutrienti e principi attivi è l’estate. Le foglie esterne, più mature e carnose, vengono tagliate con cura alla base, evitando danni alla pianta.
Dopo il taglio, si lavano accuratamente e si procede all’estrazione del gel: si rimuove la parte esterna della foglia, spesso con un coltello, esponendo il gel trasparente all’interno. Questo gel è viscoso e rappresenta la parte più pregiata dell’aloe, nonchè benefica. A causa della facilità di ossidazione del gel, è opportuno
consumarlo immediatamente o conservarlo in frigorifero in un contenitore ermetico, preferibilmente di vetro scuro o opaco per proteggerlo dalla luce.

Modalità d’uso

  • Gel di aloe vera: utilizzato per le sue proprietà lenitive e cicatrizzanti sulla pelle. Applicare uno strato sottile direttamente sulle aree interessate, come scottature, irritazioni o piccole ferite.
  • Succo di aloe vera: benefico per il sistema digestivo e per le sue proprietà depurative. Assumere 20-30 ml al mattino a stomaco vuoto, diluito in acqua o altro liquido. Iniziare con dosi ridotte per valutare la tolleranza individuale.

Utilizzo tradizionale

E’ una pianta molto utilizzata in medicina tradizionale e se ne registra l’uso in diverse culture antiche come quella cinese, egiziana e indiana. Inoltre, varie culture, tra cui i greci, i romani e i babilonesi, hanno riportato l’uso medicinale delle foglie di aloe vera in particolare come un unguento per la pelle. Veniva inoltre utilizzata per alleviare i sintomi della stitichezza [1].
Veniva inoltre utilizzata per alleviare i sintomi della stitichezza.
L’aloe vera viene utilizzata da tempo in medicina popolare per curare il diabete [2]

Ricerca scientifica

Antidiabetica

In una review con meta-analisi sono stati analizzati otto studi clinici randomizzati che coinvolgevano 470 pazienti, suddivisi equamente tra prediabete e diabete di tipo 2.
I risultati hanno mostrato che nell’ambito del prediabete, l’aloe vera ha significativamente migliorato la glicemia a digiuno (FPG), ma non ha avuto effetto sull’emoglobina glicata (HbA1c). Nel diabete di tipo 2, è stato osservato un miglioramento marginale della FPG e un miglioramento significativo dell’HbA1c [2].

Antiossidante

L’aloe vera ha significative proprietà antiossidanti dovute alla presenza di una vasta gamma di composti bioattivi. La ricchezza e la diversità di questi componenti fitochimici rendono l’aloe un potente antiossidante naturale, efficace nella lotta contro i radicali liberi e nel supporto del metabolismo lipidico e dei carboidrati [3]

Antinfiammatoria

Le proprietà antinfiammatorie dell’aloe sono note e utili nel trattamento di patologie come quelle del colon. L’azione antinfiammatoria impedisce ai leucociti di attaccarsi ai tessuti, diminuisce la produzione di una sostanza chiamata prostaglandina E2, che può causare infiammazione, e regola il processo infiammatorio riducendo le citochine proinfiammatorie. Tra queste citochine c’è l’interleuchina 6 (IL-6), una proteina prodotta dal corpo che gioca un ruolo importante nell’infiammazione e nella risposta immunitaria. Negli studi clinici, l’aloe ha mostrato risultati promettenti nel migliorare le condizioni dei pazienti con colite ulcerosa, riducendo i marcatori dell’infiammazione e aiutando a riparare i tessuti del colon [4].

Antibatterica

L’Aloe vera sembra avere significative proprietà antibatteriche. Analizzando il suo effetto contro Staphylococcus aureus, Streptococcus pyogenes, Pseudomonas aeruginosa ed Escherichia coli si è notato che l’estratto in acetone è più efficace rispetto agli estratti acquosi ed etanolici e, in particolare, la massima inibizione della crescita batterica è stata osservata in S. pyogenes e P. aeruginosa. Questi risultati suggeriscono l’efficacia dell’aloe vera nel sopprimere questi tipi di batteri [5].

Gastroprotettrice

L’aloe si è rivelata efficace nella gestione della malattia da reflusso gastroesofageo, una patologia cronica digestiva caratterizzata dal movimento degli acidi gastrici verso l’esofago. Un trattamento con sciroppo di aloe vera per quattro settimane (10ml/die) ha dimostrato di ridurre i sintomi comuni della malattia, tra cui bruciore di stomaco, rigurgito e nausea, senza causare effetti collaterali rilevanti [6].

Inoltre, l’aloe è stata impiegata con successo nel trattamento dell’infiammazione della mucosa gastrica (gastrite). In un modello di topo, è stato osservato che il gel protegge contro la gastrite acuta indotta dall’alcol, incrementando l’attività inibitoria della metalloproteinasi-9, un enzima coinvolto nei processi infiammatori.

Dermoprotettiva

Nel campo della dermatologia, l’aloe vera è ampiamente studiata per le sue proprietà dermoprotettive, in particolare nella guarigione delle ferite. Questa pianta contiene composti come aloesina, aloina ed emodina, che agiscono principalmente attraverso meccanismi antiossidanti e antinfiammatori. Le cellule cutanee, come i cheratinociti (cellule della pelle) e i fibroblasti (cellule che contribuiscono alla formazione di tessuto connettivo), mostrano una maggiore proliferazione e differenziazione a seguito dell’assunzione di aloe. Questo comporta un aumento della stabilità della membrana lisosomiale, un importante fattore nella rigenerazione della pelle [7,8,9,10,11]. Inoltre, l’aloe vera accelera la guarigione delle ferite corneali [12] e promuove la guarigione incrementando l’attività di migrazione cellulare [13]. Questi effetti sono ulteriormente corroborati da studi clinici che dimostrano l’efficacia dell’aloe vera nella guarigione di ulcere, ustioni e altri tipi di lesioni cutanee.

Antitumorale

Promettenti proprietà antitumorale sono state evidenziate da studi in vitro e in vivo utilizzando estratti di aloe vera, questi hanno indotto apoptosi delle cellule cancerose (linee cellulari MCF-7 per il cancro al seno e HeLa per il cancro cervicale) un processo di morte cellulare programmata [14]. Il composto aloe-emodina è efficace contro queste cellule, agendo sull’apoptosi mitocondriale ed endoplasmatica e inibendo lo stress ossidativo metastatico [15,16,17,18]. Nel trattamento dei tumori gastrointestinale e ovarico, l’aloesina e l’emodina hanno mostrato di ridurre la crescita tumorale influenzando le vie di segnalazione cellulare [19,20].
Studi clinici indicano l’efficacia dell’aloe vera in forma di gocce oculari contro la neoplasia squamosa della superficie oculare e il potenziale antitumorale del suo polisaccaride [21,22].

Cardioprotettiva

Studi in vivo si sono concentrati sui benefici dell’aloe vera nel proteggere il cuore. Il suo uso riduce lo stress ossidativo, un processo dannoso anche per le cellule del cuore. Nei ratti, l’emodina dell’aloe ha ridotto il colesterolo e migliorato i problemi di iperlipidemia, un’eccessiva presenza di grassi nel sangue [23, 24]. Studi su pazienti prediabetici hanno confermato questi effetti, osservando una diminuzione del colesterolo e altri fattori di rischio per malattie cardiache [2].

Avvertenze e controindicazioni

Gli estratti dell’aloe, il succo e il gel, hanno componenti chimici, indicazioni, controindicazioni e interazioni farmacologiche distinti [25].
L’aloe-emodina è stata recentemente al centro del dibattito scientifico, dopo che EFSA ha affermato che, insieme ad altre molecole simili (emodina e dantrone), può rappresentare un fattore di rischio per il cancro al colon-retto mediato da un effetto genotossico. L’EFSA si basava su un’opinione (BfR Opinion No. 032/2017) pubblicata dal Bundesinstitut für Risikobewertung (BfR), che è l’Istituto Federale Tedesco per la Valutazione del Rischio [26]. Tuttavia uno studio in vivo più recente ha smentito questa teoria, infatti non sono stati evidenziati segni clinici evidenti nei topi sottoposti a dosi fino a 2000mg/Kg al giorno di aloe-emodina [27]. È comunque consigliabile, in assenza di ampie ricerche cliniche, ricorrere all’uso di integratori a base di aloe esclusivamente previa consulenza con il proprio medico di fiducia.

Succo di Aloe

  • Controindicazioni:
    • Ipersensibilità o allergie verso componenti dell’Aloe.
    • Gravidanza e allattamento.
    • Periodo pre-operatorio.
    • Stipsi cronica.
    • Epatopatie (malattie del fegato).
    • Gastrite.
    • Coliti croniche.
    • Diverticoliti.
    • Appendiciti.
    • Dolori addominali.
    • Glomerulonefriti (malattie renali).
    • Occlusione intestinale.
  • Interazioni Farmacologiche:
    • Aumento della tossicità dei cardiotonici (Digitale, Adonide, Mughetto, Scilla, Strofanto, ecc.).
    • Riduzione dell’assorbimento dei farmaci orali.
    • Aumento dell’ipopotassiemia con diuretici, cortisonici e liquirizia.
    • Aumento della tossicità dei farmaci antiaritmici (chinidina, idrochinidina, ajmalina, ecc.).
    • Aumentato rischio di aritmia ventricolare con alofantrina, macrolidi, vincamina.
    • Betabloccanti: Torsione di punta.

Gel di Aloe

  • Controindicazioni:
    • Ipersensibilità o allergie verso componenti dell’Aloe.
    • Gravidanza e allattamento.
    • Possibili reazioni fotosensibilizzanti nell’applicazione topica.
    • L’Aloemodina somministrata per via topica può favorire la crescita del melanoma maligno.
  • Interazioni Farmacologiche:
    • Cisplatino: riduzione dell’efficacia dovuta alla somministrazione di Aloemodina.
    • Antidiabetici orali: potenziamento dell’efficacia.
    • Idrocortisone acetato: potenziamento dell’efficacia quando usato per via esterna.

Riferimenti

  1. Gao Y, Kuok KI, Jin Y, Wang R. Biomedical applications of Aloe vera. Crit Rev Food Sci Nutr. 2019;59(sup1):S244-S256. doi: 10.1080/10408398.2018.1496320. Epub 2018 Sep 13. PMID: 29999415.
  2. Suksomboon N, Poolsup N, Punthanitisarn S. Effect of Aloe vera on glycaemic control in prediabetes and type 2 diabetes: a systematic review and meta-analysis. J Clin Pharm Ther. 2016 Apr;41(2):180-8. doi: 10.1111/jcpt.12382. Epub 2016 Mar 23. PMID: 27009750.
  3. Hęś M, Dziedzic K, Górecka D, Jędrusek-Golińska A, Gujska E. Aloe vera (L.) Webb.: Natural Sources of Antioxidants – A Review. Plant Foods Hum Nutr. 2019 Sep;74(3):255-265. doi: 10.1007/s11130-019-00747-5. PMID: 31209704; PMCID: PMC6684795.
  4. Naini MA, Zargari-Samadnejad A, Mehrvarz S, Tanideh R, Ghorbani M, Dehghanian A, Hasanzarrini M, Banaee F, Koohi-Hosseinabadi O, Tanideh N, Iraji A. Anti-Inflammatory, Antioxidant, and Healing-Promoting Effects of Aloe vera Extract in the Experimental Colitis in Rats. Evid Based Complement Alternat Med. 2021 Dec 6;2021:9945244. doi: 10.1155/2021/9945244. PMID: 34912469; PMCID: PMC8668319.
  5. Nejatzadeh-Barandozi F. Antibacterial activities and antioxidant capacity of Aloe vera. Org Med Chem Lett. 2013 Jul 19;3(1):5. doi: 10.1186/2191-2858-3-5. PMID: 23870710; PMCID: PMC3729540.
  6. Panahi Y, Khedmat H, Valizadegan G, Mohtashami R, Sahebkar A. Efficacy and safety of Aloe vera syrup for the treatment of gastroesophageal reflux disease: a pilot randomized positive-controlled trial. J Tradit Chin Med. 2015 Dec;35(6):632-6. doi: 10.1016/s0254-6272(15)30151-5. PMID: 26742306.
  7. Moriyama M, Moriyama H, Uda J, Kubo H, Nakajima Y, Goto A, Akaki J, Yoshida I, Matsuoka N, Hayakawa T. Beneficial Effects of the Genus Aloe on Wound Healing, Cell Proliferation, and Differentiation of Epidermal Keratinocytes. PLoS One. 2016 Oct 13;11(10):e0164799. doi: 10.1371/journal.pone.0164799. PMID: 27736988; PMCID: PMC5063354.
  8. Hormozi M, Assaei R, Boroujeni MB. The effect of aloe vera on the expression of wound healing factors (TGFβ1 and bFGF) in mouse embryonic fibroblast cell: In vitro study. Biomed Pharmacother. 2017 Apr;88:610-616. doi: 10.1016/j.biopha.2017.01.095. Epub 2017 Feb 24. PMID: 28142117.
  9. Negahdari S, Galehdari H, Kesmati M, Rezaie A, Shariati G. Wound Healing Activity of Extracts and Formulations of Aloe vera, Henna, Adiantum capillus-veneris, and Myrrh on Mouse Dermal Fibroblast Cells. Int J Prev Med. 2017 Mar 10;8:18. doi: 10.4103/ijpvm.IJPVM_338_16. PMID: 28382194; PMCID: PMC5364744.
  10. Teplicki E, Ma Q, Castillo DE, Zarei M, Hustad AP, Chen J, Li J. The Effects of Aloe vera on Wound Healing in Cell Proliferation, Migration, and Viability. Wounds. 2018 Sep;30(9):263-268. PMID: 30256753.
  11. Rodrigues LLO, de Oliveira ACL, Tabrez S, Shakil S, Khan MI, Asghar MN, Matias BD, Batista JMADS, Rosal MM, de Lima MMDF, Gomes SRF, de Carvalho RM, de Moraes GP, de Alencar MVOB, Islam MT, Melo-Cavalcante AAC. Mutagenic, antioxidant and wound healing properties of Aloe vera. J Ethnopharmacol. 2018 Dec 5;227:191-197. doi: 10.1016/j.jep.2018.08.034. Epub 2018 Aug 31. PMID: 30172901.
  12. Curto EM, Labelle A, Chandler HL. Aloe vera: an in vitro study of effects on corneal wound closure and collagenase activity. Vet Ophthalmol. 2014 Nov;17(6):403-10. doi: 10.1111/vop.12163. Epub 2014 Mar 25. PMID: 24666433.
  13. Wahedi HM, Jeong M, Chae JK, Do SG, Yoon H, Kim SY. Aloesin from Aloe vera accelerates skin wound healing by modulating MAPK/Rho and Smad signaling pathways in vitro and in vivo. Phytomedicine. 2017 May 15;28:19-26. doi: 10.1016/j.phymed.2017.02.005. Epub 2017 Mar 4. PMID: 28478809.
  14. Hussain A, Sharma C, Khan S, Shah K, Haque S. Aloe vera inhibits proliferation of human breast and cervical cancer cells and acts synergistically with cisplatin. Asian Pac J Cancer Prev. 2015;16(7):2939-46. doi: 10.7314/apjcp.2015.16.7.2939. PMID: 25854386.
  15. Luo J, Yuan Y, Chang P, Li D, Liu Z, Qu Y. Combination of aloe-emodin with radiation enhances radiation effects and improves differentiation in human cervical cancer cells. Mol Med Rep. 2014 Aug;10(2):731-6. doi: 10.3892/mmr.2014.2318. Epub 2014 Jun 10. PMID: 24920336.
  16. Chen Q, Tian S, Zhu J, Li KT, Yu TH, Yu LH, Bai DQ. Exploring a Novel Target Treatment on Breast Cancer: Aloe-emodin Mediated Photodynamic Therapy Induced Cell Apoptosis and Inhibited Cell Metastasis. Anticancer Agents Med Chem. 2016;16(6):763-70. doi: 10.2174/1871520615666150821093323. PMID: 26295333.
  17. Tseng HS, Wang YF, Tzeng YM, Chen DR, Liao YF, Chiu HY, Hsieh WT. Aloe-Emodin Enhances Tamoxifen Cytotoxicity by Suppressing Ras/ERK and PI3K/mTOR in Breast Cancer Cells. Am J Chin Med. 2017;45(2):337-350. doi: 10.1142/S0192415X17500215. Epub 2017 Feb 23. PMID: 28231748.
  18. Trybus W, Król T, Trybus E, Stachurska A, Kopacz-Bednarska A, Król G. Induction of Mitotic Catastrophe in Human Cervical Cancer Cells After Administration of Aloe-emodin. Anticancer Res. 2018 Apr;38(4):2037-2044. doi: 10.21873/anticanres.12443. PMID: 29599321.
  19. Zhang LQ, Lv RW, Qu XD, Chen XJ, Lu HS, Wang Y. Aloesin Suppresses Cell Growth and Metastasis in Ovarian Cancer SKOV3 Cells through the Inhibition of the MAPK Signaling Pathway. Anal Cell Pathol (Amst). 2017;2017:8158254. doi: 10.1155/2017/8158254. Epub 2017 Jun 18. PMID: 28702312; PMCID: PMC5494088.
  20. Liu YQ, Meng PS, Zhang HC, Liu X, Wang MX, Cao WW, Hu Z, Zhang ZG. Inhibitory effect of aloe emodin mediated photodynamic therapy on human oral mucosa carcinoma in vitro and in vivo. Biomed Pharmacother. 2018 Jan;97:697-707. doi: 10.1016/j.biopha.2017.10.080. Epub 2017 Nov 6. PMID: 29102913.
  21. Damani MR, Shah AR, Karp CL, Orlin SE. Treatment of ocular surface squamous neoplasia with topical Aloe vera drops. Cornea. 2015 Jan;34(1):87-9. doi: 10.1097/ICO.0000000000000296. PMID: 25393094.
  22. Koo HJ, Lee KR, Kim HS, Lee BM. Detoxification effects of aloe polysaccharide and propolis on the urinary excretion of metabolites in smokers. Food Chem Toxicol. 2019 Aug;130:99-108. doi: 10.1016/j.fct.2019.05.029. Epub 2019 May 18. PMID: 31112706.
  23. Yuksel Y, Guven M, Kaymaz B, Sehitoglu MH, Aras AB, Akman T, Tosun M, Cosar M. Effects of Aloe Vera on Spinal Cord Ischemia-Reperfusion Injury of Rats. J Invest Surg. 2016 Dec;29(6):389-398. doi: 10.1080/08941939.2016.1178358. Epub 2016 May 4. PMID: 27142763.
  24. Sahin H, Yener AU, Karaboga I, Sehitoglu MH, Dogu T, Altinisik HB, Altinisik U, Simsek T. Protective effect of gel form of gastric gavage applicated aloe vera on ischemia reperfusion injury in renal and lung tissue. Cell Mol Biol (Noisy-le-grand). 2017 Dec 30;63(12):34-39. doi: 10.14715/cmb/2017.63.12.9. PMID: 29307339.
  25. Firenzuoli, F. (2009). Interazioni tra erbe, alimenti e farmaci (Edizione II). Tecniche Nuove. ISBN: 978-88-481-2068-5.
  26. Bundesinstitut für Risikobewertung. (2017). Food supplements with whole-leaf Aloe preparations containing anthranoids are associated with health risks. BfR Opinion No. 032/2017 of 2 November 2017. https://doi.org/10.17590/20171108-091347
  27. Galli CL, Cinelli S, Ciliutti P, Melzi G, Marinovich M. Aloe-emodin, a hydroxyanthracene derivative, is not genotoxic in an in vivo comet test. Regul Toxicol Pharmacol. 2021 Aug;124:104967. doi: 10.1016/j.yrtph.2021.104967. Epub 2021 May 29. PMID: 34062205.